Genealogia famiglia Bendinelli - Family Tree Bendinelli

Giovanni Battista Bagatti

Giovanni Battista Bagatti1902

Name
Giovanni Battista Bagatti
Given names
Giovanni Battista
Surname
Bagatti
Birth November 29, 1902 26
Ordination
Type: Frate
1926 (Age 23 years)

Religious institution: Ordine Francescano alla Verna
Note:
Ordinato sacerdote: Giosuè Si dedicò alla pittura sotto la direzione del pittore fiorentino Baccio M. Bacci. Ornò chiese ed altari con composizioni storico-religiose e liturgiche, preparò scenari teatrali e ornamentali, finché la guerra non gli distrusse lo studio nel convento di Viareggio. Nominato nel 1932 vicerettore del Collegio Serafico di Galceti, su suggerimento del Guardiano padre Cecilio Poggi si accinse a dipingere nella chiesa conventuale alcuni episodi della vita di S. Francesco. Iniziò quindi la sua opera maggiore, che si estese poi ad altri luoghi del convento come il refettorio, la cappella interna del Collegio, il tabernacolo esterno di S. Antonio. La chiesa di Galceti si prestava ad un'opera di grande dimensione per le pareti divise in scansioni, tre per parte. Il padre Giosuè vi dipinse: la predica di S. Francesco al Sultano, l'approvazione della Regola Francescana, il bacio al lebbroso, il presepio di Greccio, l'istituzione del III Ordine, le Stimmate sul monte Verna. Nella grande parete della controfacciata volle rappresentare la Morte e Glorificazione di S. Francesco. Una particolarità di queste pitture è data dal fatto che i personaggi sono quasi tutti ritratti di frati e di persone del luogo.Le pitture nella chiesa di Galceti terminarono nel 1934. Altre sue opere si trovano a Fiesole, Figline Valdarno, S. Francesco a Firenze, Sargiano, Ponte a Egola, Calci, Viareggio, Pisa.
Death of a maternal grandfatherRanieri Bendinelli
1930 (Age 27 years)

Description

Deathyes

Religion
Cristiano

Ordination
Ordinato sacerdote: Giosuè Si dedicò alla pittura sotto la direzione del pittore fiorentino Baccio M. Bacci. Ornò chiese ed altari con composizioni storico-religiose e liturgiche, preparò scenari teatrali e ornamentali, finché la guerra non gli distrusse lo studio nel convento di Viareggio. Nominato nel 1932 vicerettore del Collegio Serafico di Galceti, su suggerimento del Guardiano padre Cecilio Poggi si accinse a dipingere nella chiesa conventuale alcuni episodi della vita di S. Francesco. Iniziò quindi la sua opera maggiore, che si estese poi ad altri luoghi del convento come il refettorio, la cappella interna del Collegio, il tabernacolo esterno di S. Antonio. La chiesa di Galceti si prestava ad un'opera di grande dimensione per le pareti divise in scansioni, tre per parte. Il padre Giosuè vi dipinse: la predica di S. Francesco al Sultano, l'approvazione della Regola Francescana, il bacio al lebbroso, il presepio di Greccio, l'istituzione del III Ordine, le Stimmate sul monte Verna. Nella grande parete della controfacciata volle rappresentare la Morte e Glorificazione di S. Francesco. Una particolarità di queste pitture è data dal fatto che i personaggi sono quasi tutti ritratti di frati e di persone del luogo.Le pitture nella chiesa di Galceti terminarono nel 1934. Altre sue opere si trovano a Fiesole, Figline Valdarno, S. Francesco a Firenze, Sargiano, Ponte a Egola, Calci, Viareggio, Pisa.
Note
si dedica all'assistenza dei malati nell'ospedale di Viareggio
Note
Si dedica alla pittura
Media objectGiovanni Battista BagattiGiovanni Battista Bagatti
Format: image/jpeg
Image dimensions: 225 × 378 pixels
File size: 32 KB
Type: Photo